Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb

01 Mar

70 Top cover Metal famose di Emiliano Cecchi

Pubblicato da The.cm.Web  - Tags:  #BLOG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una selezione (con playlist da ascoltare gratis) di fantastiche canzoni Heavy Metal e Hard Rock rifatte da illustri colleghi...

Nel panorama rock (e pop) una cover è la reinterpretazione o il rifacimento di un  brano musicale da parte di qualcuno che non ne è l'interprete originale. E' fondamentale circoscrivere al genere musicale il termine “cover”. In altri generi difatti, in particolare nel jazz e nella musica classica, è talmente usuale interpretare brani famosi non originariamente propri, che non esiste un termine per indicare questa pratica.

I grandi appassionati di musica rock amano sentire cover di pezzi storici reinterpretati da altre band, soprattutto quando essi sono fans di entrambi i gruppi: degli esecutori dell'originale e quelli della versione rifatta. E' pratica molto comune nell'hard rock e heavy metal trovare gruppi, anche molto famosi, che ad un certo punto della loro carriera (o addirittura spesso) sentono la necessità di fare un tributo, magari a gruppi storici che hanno ispirato la loro carriera o semplicemente per tributare pezzi che amano.

Abbiamo quindi voluto effettuare una ricerca e selezionare una serie di pezzi reinterpretati se non addirittura “rifatti”. Ci siamo però concentrati in quei casi dove entrambi i gruppi (originario e interpretante) sono famosi (più o meno). Potrete ascoltarli tutti in una playlist dedicata che trovate di seguito a fondo articolo. Per ascoltare le canzoni gratis (da computer, tablet o smartphone) vi basterà accedere con Facebook al servizio Spotify quando vi sarà chiesto dopo aver cliccato su “play” (se già siete utente Spotify e loggati ascolterete direttamente).

 

I DIRITTI

E' bene precisare che I diritti economici e le rendite relative alla riproduzione del brano reinterpretato rimangono degli autori originali, non si tratta quindi di plagio, essendo (obbligatoriamente) indicato in calce al prodotto. Quindi gli autori (o i possessori dei diritti)  hanno acconsentito e ricevono una remunerazione per questo.

 

CURIOSITA'

- Tra i pezzi, di ogni tempo e genere, che hanno ricevuto il maggior numero di cover (ufficiali), in vetta pare non esserci alcun dubbio, c'è Yesterday dei Beatles che secondo il Guinnes Book of Records ne ha contate oltre 3000.

- Invece in chiave metal non sono presenti (o almeno non risultano a noi) pezzi nettamente più “coverizzati” e comunque parliamo di numeri bassi difficilmente utilizzabili per classifiche. Possiamo però citare Breaking The Law, famosa canzone dei Judas Priest, che conta una ventina di cover ufficiali. Nella playlist trovate forse quella più famosa interpretata dai Motorhead.

- Molti probabilmente non conosceranno la versione di una ballata cult nel panorama Metal come Nothing else Matters dei Metallica che è stata proposta da Marco Masini in italiano col titolo “E chi se ne frega”. Come giudizio personale, forse poteva anche evitarlo, considerando il risultato finale avente un testo francamente poco apprezzabile.

- Chi desidera scoprire altre curiosità su singoli pezzi o artisti, troverà nella apposita categoria tematica della Web Directory di Freeonline.it quella denominata “Music Cover” una serie di database dedicati a questa pratica, alcuni veramente da non perdere.

 

LA PLAYLIST

Come sempre quando parliamo di musica, c'è da precisare che la playlist che trovate da ascoltare non è una classifica, ma una semplice selezione di pezzi che piacciono a noi, oppure che ci hanno colpito, oppure ancora particolarmente curiosi con interpretazioni fantasiose o addirittura al limite del proponibile.

Tra le più riuscite (sempre a nostro avviso) vanno incluse le songs che risultano migliorate rispetto all'originale, come esempio massimo includerei molti dei pezzi che i Metallica hanno registrato in Garage Days Re-revisited, ma in assoluto se dovessi sceglierne una sola dell'intera playlist metterei “The sentinel”, l'originale dei Judas Priest reinterpretata con maestria dai Machine Head.

Tra le più “personalizzate” possiamo senza dubbio includere TNT (AD/DC) rifatta dai Six Feet Under e Fear of the dark (Iron Maiden) rifatta dai Graveworm.

Tra i pezzi “curiosi” ne troverete diversi, a partire da Careless Whisper (George Michael) fatta dai Seether, Roadhouse Blues (Doors) rifatta dai Ministry, o una sciupata (volontariamente) My Way da Sid Vicious.

Sul blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb