Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb

11 May

Cos’è la sindrome da dipendenza da lavoro ?

Pubblicato da Ilaria Arathia Guerrini  - Tags:  #BLOG

 

Lavori fino a tardi? Preferisci rimanere in ufficio piuttosto che uscire con gli amici? Attento, potresti essere malato di lavoro!

 

La sindrome da dipendenza dal lavoro o sindrome da workaholism è un disturbo ossessivo-compulsivo, un comportamento patologico di una persona troppo dedita al lavoro  che pone in secondo piano la sua vita sociale e familiare. Il termine workaholism nasce nel 1971 in USA in seguito alla pubblicazione  del  libro di Wayne Edward Oates “Confessions of workaholics: the facts about work addiction” .


Ecco alcuni elementi che caratterizzano il profilo del malato di lavoro:

 

 

1. ricava un vero piacere dall’essere sempre impegnato;
2. tollera poco e male le persone che non vivono come lui il rapporto con il lavoro;
3. esercita sugli altri la pressione che egli esercita su se stesso;
4. spesso è perfezionista e rigido;
5. soffre di analfabetismo sentimentale;
6. ha sbalzi adrenalinici elevati.

 

 

Ma chi può essere colpito da questa malattia?

 

Tutti possono essere vittime di questa dipendenza anche se da alcune recenti indagini emerge che i settori più colpiti sono quelli delle libere professioni come artigiani, avvocati, commercialisti e manager.

 

Ad oggi non abbiamo delle stime esatte del numero di persone colpite dalla sindrome di workaholism tuttavia numerosi sono i centri nati per accogliere ed aiutare chi ne è colpito, attualmente la più importante organizzazione di terapia del workaholic ha sede in USA e si chiama Workaholics Anonymous , nata nell'aprile 1983 a New York, questa organizzazione trae esempio dalla filosofia degli “Alcoholics Anonymous” ed adotta il loro sistema terapeutico dei 12 passi.

 

Ilaria Arathia Guerrini

Per "il Cassetto"

Sul blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb