Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb

13 Dec

Crisi economica, per le famiglie torna il baratto

Pubblicato da Alessandro Conte  - Tags:  #DANGER NEWS

In tempo di crisi economica il sistema vendo/compro non funziona. Da quando le famiglie italiane sono state investite dalla crisi, è nata una nuova, o meglio dire, vecchia forma di commercio: il baratto, lo scambio di merci, o beni, riadattato ai tempi moderni.


Con la crisi economica in atto, dunque, non si butta via nulla; un oggetto o un giocattolo ancora funzionante e che non si usa più, può essere dato in cambio di qualcosa di più utile. Già da qualche mese, in varie parti d’Italia, si è pensato bene di sperimentarlo e anche con ottimi risultati.


A sostegno di quanto sia diffusa questa iniziativa, dal 14 al 20 novembre scorso si è tenuta la terza edizione della “Settimana del Baratto”. Vari Bed & Breakfast, sparsi in tutta Italia, hanno aderito all’iniziativa barattando un soggiorno nelle strutture con un qualsiasi altro bene o servizio che potesse tornare utile.


http://www.diredonna.it/files/2011/12/commodity-306x172.jpgSulla pagina di Facebook, creata apposta per l’occasione, a tutt’oggi si registrano poco meno di 50.500 “mi piace” e continuano anche le richieste e le offerte di baratto di soggiorni, presso le varie strutture, con materiale vario o con competenze e professionalità.


Altra idea proviene da Pisa, dove la CIA – Confederazione Italiana Agricoltori – ha formato una banca del baratto e presto attiverà anche un sito internet dove si potranno scambiare prodotti agricoli, che magari sono rimasti nei magazzini delle aziende, con altri beni di vario genere.


Questo progetto aiuta a superare la crisi economica, ma soprattutto serve a dare una mano alle aziende italiane in difficoltà e, allo stesso tempo, a supportare il tanto decantato e bistrattato Made in Italy. Altro importante scopo è quello di far crescere il portale web, a tal punto da poterlo paragonare a un vero e proprio social network.


L’espansione verso il Web è in linea con le stime dell’Adoc, Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori, che prevede un incremento di acquisti online del 18 % rispetto all’anno precedente. E quest’anno, con l’approssimarsi delle festività natalizie, secondo quanto stimato dall’Adoc ci sarà una crescita del 10% per quanto concerne il baratto e, in generale, si parla di un regalo su tre di seconda mano e il 15% fatto a mano.


La stessa associazione ci dice che le famiglie italiane, sempre per questo Natale 2011, sono più propense ad acquistare prodotti gastronomici, specie quelli tipici regionali, e meno videogiochi. A questi ultimi si preferiscono regali più istruttivi e che possano tornare utili nel tempo come, ad esempio, un ciclo di lezioni di chitarra.

 

 

 

Articolo di Alessandro Conte

Sul blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb