Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb

16 May

Giochi online dopo la liberalizzazione del mercato

Pubblicato da Gianluca Caruso  - Tags:  #INTERNET

 

Oltre un milione e mezzo di giocatori e circa 70 siti di gioco online autorizzati dai Monopoli di Stato in cui tentare la fortuna in tutta sicurezza: sono questi i numeri del settore del gioco online, un mercato in cui si sono gettati a capofitto decine di operatori stranieri grazie alle recenti aperture arrivate dalla liberalizzazione.

 

L’Italia, insieme alla Francia e alla Gran Bretagna, è anche diventata un modello da imitare per la lotta al riciclaggio di denaro, alla frode e a tutte e le altre attività illegali che potrebbero essere collegate al mercato dei giochi online. Fino a pochi anni fa, quando si parlava di giochi online con soldi veri si faceva riferimento soltanto al poker texas hold’em e alle scommesse sportive, ma da qualche tempo i Monopoli di Stato hanno regolarizzato altre modalità di gioco.

 

 


 

 

 

Un processo che va di pari passo con la liberalizzazione del mercato e con l’inserimento di diverse società straniere che si sono rivolte al mercato italiano perché lo ritengono ricco di potenzialità, portando anche in Italia la loro offerta di casino e poker online: è il caso ad esempio del poker online gratis su Pokerstars.it il più grande operatore mondiale nel settore del gambling online.

I casinò e i poker legali in Italia si riconoscono molto facilmente grazie al logo dei Monopoli ben visibile nella homepage e in tutte le pagine del sito.

 

Inoltre l’industria del gioco online ha ottime possibilità di mantenere l’attuale ritmo di crescita in futuro, grazie ai cambiamenti positivi nella regolamentazione europea, soprattutto in Belgio, Danimarca, Grecia e Spagna. Inoltre si fa strada l'ipotesi di un mercato unico europeo che regolamenti il gioco su internet: un progetto comune che unisce Italia, Francia, Gran Bretagna (e presto anche la Spagna) tra i Paesi che collaboreranno insieme per disciplinare l'e-gaming.

 

 

 

 

 

di Gianluca Caruso

Per ilcassetto

 

 

 

 


Sul blog

In collaborazione con le Redazioni - NotizieWeb 24/24; DangerNews; The Curious MagazineWeb